12 Apr 2018

VIAGGI IN CAMPER: 6 CONSIGLI FONDAMENTALI PER PRINCIPIANTI

VITA A BORDO

È la prima volta in camper: non si vede l’ora di partire per la prima “grande avventura” ma allo stesso tempo si è preoccupati di ciò che ci attende.
Entusiasmo, impazienza, ansia sono emozioni frequenti.

Ci troveremo catapultati in un mondo nuovo fatto di procedure e abitudini specifiche che dovremo fare nostre. Bisogna essere flessibili e pronti, affrontando con consapevolezza le sorprese della “vita da camper”.

Fiat Ducato base Camper, con la sua tecnologia, la sua versatilità e il suo design, facilita ogni aspetto della vita a bordo. E per offrire ulteriore attenzione, mette a disposizione suggerimenti e indicazioni fondamentali, che fanno la differenza per i principianti: alcuni sono consigli “indispensabili”, altri semplici accorgimenti che rendono più gradevole una vacanza.

1. Finestrini e oblò

Prima di partire è bene porci sempre una domanda e farla al resto della brigata a bordo: “Gli oblò ed i finestrini sono chiusi?” E’ fondamentale assicurarsi che non rimangano accidentalmente aperti, altrimenti la forza dell’aria durante la corsa potrebbe creare problemi di varia natura (caduta accidentale di oggetti, assetto, ecc).

E’ bene chiudere finestre e oblò anche quando si parcheggia il camper, non solo per una questione di sicurezza, ma anche perché se dovesse piovere mentre si è via, si rischia di allagare il camper e inzuppare eventuali materassi o cuscini.

2. Ante e porte

Attenzione anche a porte e ante degli armadi che, con le vibrazioni e il movimento, possono aprirsi e far cascare oggetti. Per questo prima di mettere in moto facciamo sempre un giro di ricognizione per verificare che tutte le porte e le ante siano chiuse a dovere.

Su una base Ducato, tutto questo diventa più facile, perché le barriere nette tra zone diverse del camper semplicemente scompaiono: i sedili Captain Chair sono montati su piastra pivotante di eccellente stabilità e ruotano di 180°. Una volta ruotati, possono scorrere in avanti e avvicinarsi alla dinette, senza necessità di porte o divisori da tenere sotto controllo.

3. Prolunghe e cunei
Se utilizzeremo con continuità il camper ci renderemo conto presto che gli accessori non sono mai abbastanza: piumoni a sacco, stoviglie e pentolame, pannelli solari, TV o addirittura antenna parabolica. Ci sono accessori però che non sono un’opzione ma quasi un obbligo per garantire la buona riuscita della tua vacanza in camper, per esempio, la prolunga per la corrente elettrica e degli spessori per “raddrizzare” il mezzo.

La prima è fondamentale nei campeggi e nelle aree di sosta per collegarsi alla colonnina elettrica. Se la colonnina è troppo lontana dal posto camper e non si intende rinunciare alla corrente elettrica prima di partire, muniamoci di una prolunga abbastanza lunga (quella da 20/25 metri basta nella maggioranza dei casi).

I cunei sono quei tasselli indispensabili che, posizionati sotto le ruote, permettono di livellare la pendenza della tua casa mobile: nessuno ama dormire a testa in giù!
È sempre bene, dunque, avere almeno un paio di cunei al seguito.

4. Trasformatore per device

Smartphone, tablet, portatile, kindle, hot spot per il Wi-Fi… Quando si viaggia è spesso necessario ricaricare qualcuno di questi dispositivi e, a meno che non ci si fermi in un campeggio o in un’area sosta con allaccio elettrico, la corrente non è sempre assicurata. Né si può tenere acceso il motore solo per far ricaricare un pc.

Una risorsa è l’inverter che trasforma la corrente a 12 v in 220 v: una scatolina che si collega all’accendisigari e a cui si può attaccare una qualsiasi presa.

5. Dispensa organizzata

E’ vero che ovunque esistono supermercati o autogrill per rifocillarsi lungo la strada, ma è bene non partire senza aver allestito almeno un minimo la dispensa, sia perché a volte capita di viaggiare di notte quando ormai tutto è chiuso, sia perché durante la guida può presentarsi qualche necessità da soddisfare in fretta, senza l’obbligo di una sosta per acquisti. Bottigliette d’acqua, cracker, biscotti, scatolette… sono utili sempre, anche per mantenersi svegli alla guida.

6. Portolano

Siamo abituati da tempo alla tecnologia, eppure il Portolano cartaceo è una di quelle risorse che non dovrebbe mai mancare a bordo, una vera “bibbia” del camperista.
Il Portolano offre la lista delle aree di sosta sparse per l’Italia, divise per regione e, sebbene sia consultabile anche online, averla cartacea e consultabile in ogni momento è una sicurezza contro ogni ansia o eventuale assenza di connessione.

Ora, con questi sei consigli di base, possiamo affrontare con più sicurezza la nostra “grande avventura”. Tutti pronti a salire a bordo di un camper costruito su base Fiat Ducato!​​​

 
<asp:ContentPlaceHolder id="PlaceHolderPageTitle" runat="server"/>