24 Lug 2018

L'ARTE DELLA SOSTA IN CAMPER.

VITA A BORDO

Come in viaggio, anche da fermi è indispensabile prestare attenzione ad alcuni comportamenti.
Quando viaggiamo in camper, sappiamo di dover seguire specifiche norme per la marcia, ma ne esistono alcune, ugualmente importanti, anche per fermarci e sostare serenamente nel nostro camper.
Ecco i consigli di Fiat Professional for Recreational Vehicles per non sbagliare.

 

La sosta notturna in camper

Se abbiamo deciso di fermarci per la notte, valutiamo con un po’ di anticipo l’area di sosta di riferimento e accertiamoci che sia sufficientemente tranquilla, non un zona di ritrovo a noi poco gradita. In quest’ultimo caso, avremo tempo di spostarci altrove. Sconsigliabili i luoghi troppo appartati o isolati, per quanto romantici. Attenzione anche a quelli troppo affollati o con fonti di disturbo (parcheggi di locali notturni, di stadi, ecc.).

Le aree di sosta autostradali stanno gradualmente perdendo le caratteristiche d’appetibilità di un tempo: sempre più intasate e rumorose, conviene valutarle caso per caso. Meglio, forse, fare qualche chilometro in più e uscire in direzione di un tranquillo paesino, dove trovare l'angolo giusto per la sosta libera del nostro Camper su base Fiat Ducato: non daremo nell'occhio e riposeremo tranquilli.

Il nostro stazionamento, naturalmente, deve avvenire senza arrecare danni o disturbi ai residenti del luogo che ci ospita, siano essi campeggiatori e camperisti degli altri spazi dell'area di sosta, o abitanti di un luogo. Desideriamo rispetto e quindi, per primi, lo dobbiamo manifestare nei confronti degli altri.

La sosta in camper nelle strutture ricettive

Sembra scontato ma è bene ricordare che i movimenti e le manovre all’interno di strutture ricettive (aree di sosta, campeggi, agriturismi, parcheggi) devono svolgersi a passo d'uomo: per la sicurezza di tutti, specie dei bambini che certamente saranno presenti, e per evitare di sollevare inutilmente polvere, fango o altro, insudiciando chi si è sistemato prima di noi. Inoltre, se al nostro arrivo c’è spazio sufficiente, non affianchiamoci in modo soffocante ad altri camper già in sosta: rispettiamone privacy e spazi vitali.

Se lo riteniamo opportuno, e la struttura che ci ospita lo prevede, possiamo effettuare l'allacciamento alla rete elettrica per ricaricare le batterie di bordo e disporre dei 220 Volt per utenze particolari (phon, ecc.).

A questo scopo, occorre avere con noi un cavo tripolare di sufficiente lunghezza e di alcune spine che ci consentano l'inserimento nella presa disponibile (esistono anche spine multiple, con attacchi utilizzabili in più Paesi). Importante, ai fini della sicurezza, evitare allacciamenti volanti e improvvisati, che in caso di pioggia possono facilmente provocare un corto circuito.

Evitiamo poi di emettere rumori molesti per gli altri equipaggi che sono a fianco a noi: in particolare, l'uso dei generatori di corrente va ridotto al minimo, e certamente solo quando gli altri non ne devono condividere le emissioni.

La sosta libera in camper

Nel caso di sosta libera, al di fuori delle strutture ricettive, va ricordato che non in tutti i Paesi è consentita. Conviene informarsi bene, in anticipo e decidere di conseguenza: sentirsi svegliare nel cuore della notte da poliziotti non è l'esperienza per la quale siamo partiti!

Laddove è consentita a livello generale (come in Italia, in virtù dell'articolo 185 del Codice della Strada, comma 2*), la sosta libera può essere oggetto di limitazioni locali, temporanee o limitate a specifiche categorie di veicoli (non i camper ma, ad esempio, tutti i veicoli superiori a 25 q.li) e quindi anche in questo caso conviene informarsi bene in anticipo, magari con le forze dell'ordine locali.
Ricordiamo che non sono consentiti cunei di livellamento sotto le ruote, gradini estratti, finestre o porte aperte verso l'esterno.

Infine, cerchiamo di parcheggiare il nostro Camper su base Fiat Ducato in piano: si dormirà meglio, non ci saranno problemi con gli scarichi dei lavelli e della doccia, e soprattutto il frigorifero lavorerà in condizioni ideali. Se possibile, orientiamo il veicolo in modo tale che il sole, nel suo ciclo diurno, non colpisca mai in modo diretto la parete del frigorifero: lo aiuteremo così in modo decisivo nel suo lavoro.

Con questi suggerimenti, Fiat Professional for Recreational Vehicles augura buone soste a tutti. E buon viaggio, naturalmente!​​

 
<asp:ContentPlaceHolder id="PlaceHolderPageTitle" runat="server"/>