TOSCANA IN CAMPER

TOSCANA IN CAMPER

Emozioni da vivere in Val di Cornia

In Italia, in Toscana, affacciata sull’Isola d’Elba, la Val di Cornia è il luogo ideale per vivere un’esperienza unica in un territorio ricco di bellezze naturali e sorprendenti testimonianze archeologiche. Un energico mix di arte, cultura e natura all’insegna di terme e benessere, sport e gusto. Partiamo per un giro in camper tra i comuni di Campiglia Marittima, Piombino, Sassetta, Suvereto e San Vincenzo.


Estesa tra i comuni di Campiglia Marittima, Piombino, Sassetta, Suvereto e San Vincenzo, questa terra offre scenari incantevoli che si distendono tra colline ricoperte di folta vegetazione e mare dalle spiagge incontaminate. Culla delle antiche civiltà etrusca e romana, la valle si presenta come una valida alternativa alle tradizionali mete turistiche: l’ultimo spicchio di mare della Costa degli Etruschi ospita delle eccellenze straordinarie, luoghi da non perdere.

Non si può apprezzare completamente il fascino e la complessità di questa terra se non si visita il Sistema dei Parchi della Val di Cornia, un insieme di parchi e musei che offre la possibilità di trascorrere giornate in libertà tra natura e archeologia. La formula vincente che introduce alla visita del sistema? Il fascino di un passato da svelare, di nuove cose da imparare e delle storie che raccontano gli antichi reperti il tutto arricchito da visite guidate e interessanti laboratori didattici.
Il nostro itinerario in camper prevede una durata di 3 giorni

PRIMO GIORNO. DA BARATTI A PIOMBINO IN CAMPER.

Arrivo a Baratti, sostiamo presso l'area attrezzata di Caldanelle (con collegamento con il golfo mediante navetta); presso il parcheggio del Parco archeologico di Baratti.

Visitiamo l’area delle Necropoli del Parco archeologico di Baratti e Populonia, un vero e proprio museo all’aperto luccicante di scorie ferrose. La sua visita è sorprendente, un viaggio attraverso Populonia, unica città etrusca fondata sul mare. Una rete di itinerari unisce la città delle case e dei templi (l’acropoli) alla città industriale e alle necropoli di San Cerbone e delle Grotte. I percorsi, oggi come nell’antichità, seguono strade basolate, attraversano boschi e macchia mediterranea e si aprono su inaspettati scorci rivolti verso l’isola d’Elba.

Ci spostiamo nel centro di Piombino (10 km) con sosta nel parcheggio, in parte riservato ai camper, con vista sull’Isola d’Elba. A piedi si raggiunge il Museo Archeologico del Territorio di Populonia, per un pranzo al bar in Cittadella.

Dopo pranzo visitiamo il Museo che rappresenta uno dei principali poli espositivi della Provincia di Livorno. Qui la noia non trova spazio: vetrine-acquario, allestimenti a scala reale di attività e di ambienti antichi, video delle scoperte archeologiche e grandi ricostruzioni di paesaggio, donano voce e vita ai preziosi reperti custoditi nelle sale. Da non perdere l’anfora di Baratti, capolavoro in argento proveniente dal mare, simbolo del Museo e della bellezza del territorio.

Ci trasferiamo poi a piedi al Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali, un imponente monumento storico mirabilmente restaurato in anni recenti tra le cui mura è oggi custodito un eccezionale ritrovamento: centinaia di vasi in ceramica risalenti al XIII secolo, rinvenuti dagli archeologi sulla volta della chiesa di S. Antimo sopra i Canali, nei pressi del vecchio porticciolo della città. L’allestimento, tecnologico e interattivo, racconta gli esiti degli scavi archeologici che hanno interessato la Piombino medievale.

In serata ci concediamo una bella passeggiata nel centro storico di Piombino. Protesa sul mare, Piombino è una città ricca di storia e di ambienti naturali salvaguardati. E’ piacevole percorrere i vicoli antichi che si aprono sul mare, riscoprendo l’evidenza di un passato medioevale e rinascimentale e seguendo le tracce che in questa città hanno lasciato Leonardo da Vinci prima e Elisa Bonaparte Baciocchi in seguito. Imperdibile è una passeggiata in Piazza Bovio, splendido punto panoramico affacciato sulle Isole dell’Arcipelago Toscano.

Aree di sosta attrezzate:

Piombino

- Via della Pace – Piombino – 15 posti – coord. N. 42° 56’ 16” E 10° 31’ 18.8”
- Loc Caldanelle – Bivio Baratti 60 posti – coord. N 43° 00’ 07.6” E 10° 31? 41.2”
- Parco della Sterpaia - posti 300 nei seguenti parcheggi del parco: Perelli 1 – Perelli 2 – Perelli 3 – Mortelliccio - Carbonifera – Torre Mozza 1 e Torre Mozza 2. Lo scarico ed il carico è previsto nei parcheggi di Perelli 3 coord. 42° 57’ 19.5” E 10° 37’ 15.4” e nel parcheggio di Carbonifera coord. 42° 57’ 05.2” E 10° 41’ 02.3”


POSTI SOSTA RISERVATI

- via L. da Vinci (presso Museo di Cittadella) - 2 posti - coord. N 42° 55' 25,1" E 10° 31' 19,2"
- via G. Bruno (presso Castello di Piombino) - 4 posti - coord. N 42° 55' 14,8" E 10° 31' 60"

SECONDO GIORNO. DA CAMPIGLIA MARITTIMA A VENTURINA TERME IN CAMPER.

Ci trasferiamo al Parco archeominerario di San Silvestro (Campiglia Marittima) con sosta nel parcheggio del Parco.

Visita guidata del Parco, con il tour delle miniere. A piedi e su un trenino minerario sarà possibile vivere l’irripetibile esperienza di percorrere i luoghi di estrazione e lavorazione dei minerali, attività che si sono protratte dal periodo etrusco fino al 1976. Il percorso nella miniera (al cui interno la temperatura è di 13-14° C) e quello sul treno minerario rappresentano un modo divertente e diverso di vivere “la storia”. Ci dirigiamo ora verso Campiglia Marittima (aree attrezzata La Pieve) e visitiamo il suo centro storico.

Campiglia Marittima si presenta oggi come uno dei borghi medievali della Costa degli Etruschi più suggestivi e meglio conservati; un piccolo gioiello in pietra da scoprire attraverso un labirinto di vicoli lastricati. Il centro storico è dominato dalla Rocca che, tra le sue mura, ospita un parco pubblico e un museo.

Dopo la visita, dalle colline si scende, lungo una strada costeggiata da rilievi terrazzati con coltivazioni di olivi secolari, verso Venturina Terme dove si trova il Parco Termale con gli stabilimenti.

La sosta notturna è prevista presso l’area attrezzata di Venturina posta a soli 50 mt dall’ingresso delle Terme “Il Calidario”. Qui ci concediamo un’appagante e rigenerante immersione nelle calde acque termali.

Aree di sosta attrezzate:

Campiglia Marittima

- Campiglia Marittima loc. la Pieve 10 posti coordinate N 43° 03’ 24.05” E 10° 36’ 53.09”
- Venturina Terme loc. Terme del Calidario 50 posti coordinate N 43° 02’ 11.3” E 10° 35’ 59.2”
- Venturina Terme via del lavoro 5 posti coordinate N 43° 01’ 50.9” E 10° 36’ 33.3”

TERZO GIORNO. SUVERETO IN CAMPER.

A Suvereto, scegliamo l’area di sosta di via dei forni e a piedi ci muoviamo passeggiando nel suggestivo borgo di origine medievale, ancora oggi cinto di mura. Qui sarà possibile ammirare importanti monumenti e godersi l’atmosfera tranquilla delle vie, dei vicoli e delle piazzette che si snodano nel centro storico.

Aree di sosta attrezzate:

Suvereto

- Via dei forni – posti 20 - coord. N. 43° 04’ 32.2” E 10° 40’ 40.5”

 
 
<asp:ContentPlaceHolder id="PlaceHolderPageTitle" runat="server"/>